Lasagne funghi piselli fusi

Per 6 persone

400g lasagne verdi Barilla
3 sovra cosce di pollo
Barattolo 200g piselli
450g Champignons congelati
Prezzemolo
Uno spicchio d’aglio
Sale
500ml latte
50g burro
50g farina
Noce moscata
Erbe per arrosti
150g parmigiano

Cucinare funghi, pollo disossato e tagliato a cubetti in una pentola con 350ml di acqua a fuoco lento, bollitura minima per un ora con un trito di prezzemolo, aglio e erbe aromatiche. A fine cottura aggiungere il barattolo di piselli. Preparare la besciamella: latte, farina setacciata e pizzico di noce moscata, girando continuamente far bollire piano per 5 min o comunque far addensare, una volta raggiunta la giusta consistenza spegnere il fuoco, continuare a girare, mettere il burro e far sciogliere.

Bagnare il fondo della teglia col sugo molto acquoso fare strati con lasagna secca sugo, besciamella, qualche cucchiaio, e un pizzico di parmigiano, ripetere. Man mano mettere tutto il brodo, l’ultimo strato mettere poco sugo e coprire di besciamella e poi coprire di parmigiano. Cucinare come indicato 220° per 20 minuti a forno preriscaldato. Togliere dal forno e aspettare 15 minuti.

Annunci

Tiramisù al burro d’arachidi

6 uova
250g mascarpone
120g zucchero
Due bustine di anacardi non salati 80-100g totali
3 cucchiai di burro d’arachidi
Cacao dolce solubile
Savoiardi
10 fave di cacao tostate

Separare i tuorli dagli albumi. Unire 60g di zucchero ai tuorli ed ottenere un composto omogeneo, incorporare il mascarpone, incorporare il burro di arachidi e mettere in frigo. Montare a neve gli albumi con 60 g di zucchero. Incorporare al composto precedentemente ottenuto gli albumi montati a neve, un cucchiaio alla volta dal basso verso l’alto lentamente per non smontare gli albumi, raggiunta l’uniformità della crema non mescolare oltre sempre per non smontarla, mettere in frigo. Preparare in una pirofila i savoiardi bagnati bene solo dal lato dove non è presente lo zucchero con acqua fredda e cacao dolce solubile, disporli col la parte bagnata verso l’alto. Coprire con la crema e rimettere in frigo. Tostate gli anacardi e disporli sopra per guarnire insieme alle fave di cacao sbucciate e sbriciolate e rimettere in frigo per 30 minuti.

Fatta a quattro mani con Tesorina.

Millefoglie Chantilly alla Nutella (Ferrero Rocher)

6 uova

150 g zucchero di canna

50 g farina

500 ml latte

una fiala di vanillina

500 ml panna fresca (non vegetale)

100 g zucchero di canna

50 g nocciole sgusciate e pelate

100 g goccie di cioccolato

2 mille foglie

2 tavolette ciccolato gianduia con granella di nocciole

1 cucchiaio colmo di nutella

Creama: prendere i tuorli delle uova, e batterli con i 150g succhero, far bollire il latte con la vanillina aggiungere zuccherro e uova battuti e sempre girando aggiungere i 50 g di farina a velo cuocere e girare a fuoco basso senza far bollire la crema finche non avrà preso la giusta consistenza, spegnere il fuoco ed incorporare la nutella, far freddare la crema, ma muoverla di tanto in tanto per evitare che si formi la patina. tostare le nocciole e far freddare, ridurre a granella metà delle nocciole, e spezzetare grossolanamente l’altra metà. cuocere i mille foglie per dieci minuti a 180° o finche non saranno belle dorate, non prima di averle bagnate leggermente con acqua tagliuzzate tutte con la punta dalla parte non tagliente del coltello e averle cosparse di zucchero di canna senza esagerare. Bagnarle e tagliarle serve per non farle bruciare e gonfiare troppo. Far freddare le mille foglie, quando la crema sarà bella fredda incorporare le gocce di cioccolaro e la meta grossolana delle nocciole. Montare la panna con 100 g di zucchero di canna ed incorporare alla crema poca alla volta con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare la crema. mettere in fine un mille foglie sulla tortiera mettere la crema coprire con l’altro mille foglie mettere altra crema tutta intorno, guarnire con la metà delle nocciole fatte a granella i bordi verticali, sciogliere a bagno maria le tavolette di gianduia con nocciole e guarnire la torta.

 

Vitel purè

Un mazzo di cime di rapa
Un broccolo
Una cipolla
Una carota
Un pezzetto di sedano
Prezzemolo
Rosmarino
Un litro d’acqua
1kg vitello per arrosti
Sale
Olio extravergine di oliva

Triturare grossolanamente cime di rapa, sedano, carota e prezzemolo, cipolla in 2 pezzi, broccolo e patata puliti ed interi, legare il rosmarino e mettere tutto insieme al vitello e al litro d’acqua in pentola a pressione,salare, portare a pressione e cuocere per 30 minuti, togliere il rosmarino, far freddare dopo aver separato la carne, le verdure e il brodo. Tagliare a fettine sottili la carne, frullare le verdure dopo aver aggiustato di sale e olio, disporre la carne e il purè verde ottenuto a strati. Il brodo è riutilizzabile con cereali, minestra o pasta.

Spezzatino allo zenzero

700g mucca polpa di coscia
1,5Kg di patate
400g champignon
Un pugnetto di olive in salamoia lavate bene
Uno spicchio d’aglio tritato
Sale di mamma
Spolverata di erbe aromatiche essiccate e tritate (basilico maggiorana timo prezzemolo salvia finocchio selvatico)
Una grattugiata di zenzero senza esagerare

Mettere tutto tritato a pezzettoni in pentola con mezzo litro d’acqua coprire portare ad ebollizione e cuocere per 45 minuti. Col brodo volendo cous cous 🙂

Cous Cous d’autunno

Mezzo cavolfiore
250g funghi Champions Crema
2 patate
Uno spicchio di aglio
Prezzemolo
150g cous cous
Sale di mamma
Olio extravergine di oliva

Mettere aglio e un filo di olio aggiungere tutte le verdure tagliate a cubetti o fettine con 300-400cc di acqua salata con sale di mamma e cuocere per 20 minuti spegnere aggiungere cous cous precotto coprire muovere il cous cous una due volte, in 10min è pronto

Pizzoccheri

500g Pizzoccheri
2 Patate
300g Cime di rapa
Mezzo cavolfiore
Uno spicchio d’aglio
120g Montasio
120g Puzzone di Moena
160g Toma Maccagno
Parmigiano Reggiano grattugiato
Olio evo extra vergine d’oliva

Tritare le cime di rapa e l’aglio e mettere a bollire con abbondante acqua, una volta ad ebollizione salare e buttare patate e cavolfiori, tutto tritato a dadini, dopo 5 minuti buttare anche i pizzoccheri e cuocere tutto insieme per 12 – 15 minuti, preparare un piatto da portata largo, cospargere con parmigiano e listarelle dei formaggi indicati, che sono di simile consistenza a fontina ed emmental, scolare i pizzoccheri e coprirci i formaggi, un filo di evo, poi fare un altro strato di formaggi e parmigiano e poi uno di pizzoccheri, evo e cosi via. Servire caldi.